Pages Menu
Categories Menu

Posted by on Ott 14, 2016 in Eventi, News

AUREO |Daniele Basso|

 

è un uccello-pennino che popola “Officina della Scrittura,

primo museo al mondo del segno e della scrittura, a cura di Ermanno Tedeschi.

 comunicato stampa

Inaugurato a Torino il 1 ottobre 2016 con la mostra “Scripta Volant” il progetto museale ” Officine della Scrittura”,  luogo in cui viene raccontato, promosso e valorizzato tutto ciò che, in ogni ambito, è legato alla cultura della scrittura e, più in generale, al segno dell’uomo: dalle pitture rupestri fino alle forme della comunicazione contemporanea.

 

Cinquecento metri quadri dedicati all’arte moderna e contemporanea che accolgono una mostra collettiva con più di 30 artisti la cui selezione è stata fatta individuando quelli che più di altri hanno lavorato sulla scrittura ed il segno, coinvolgendo noti galleristi, artisti e collezionisti, che generosamente hanno dato in prestito opere più che mai significative.

AUREO, opera dell’artista biellese Daniele Basso, inserita nella mostra, è realizzato in acciaio lucidato a specchio a mano e colore blu, “nasce – racconta Basso –  dalla smaterializzazione della penna che si proietta in un futuro digitale. Di essa sopravvive solo il pennino, che diviene uccello e popola la sede museale, anche sede di Aurora Penne, ed attraverso la poesia del volo esprime il concetto universale di libertà. Come libera è la mente dell’uomo che con la penna metaforicamente e fisicamente afferma nella firma l’importanza e la forza delle proprie idee”.

Oggi che la scrittura ha trovato nella tecnologia la naturale evoluzione, usare una penna assume un significato rituale, quasi spirituale. Possederne una diventa espressione di sé che sottolinea la rara importanza delle occasioni in cui la si usa. Ma della penna solo i pennini sono rimasti invariati nel tempo. Tramiti ultimi tra mente e foglio, sono un’estensione dell’io a cui affidiamo il compito di rimanere oggetto fisico. Unendo quindi attraverso l’arte la poesia del volo al pennino esso si anima in una nuova immaginaria specie di uccello, AUREO, l’uccello-pennino, che vola alto come le idee, privo di condizionamenti, metafora universale della libertà!

Cincopa WordPress plugin

Nella corte interna dello stabilimento Aurora, la fabbrica italiana di penne più prestigiosa, nello straordinario contesto d’archeologia industriale ancora viva con la produzione ed oggi centro culturale col Museo “Officina della Scrittura”, vive l’avanguardia d’una colonia di uccelli-pennino. Ironici, dalla testa in acciaio a specchio ed i corpi blu come gli inchiostri, sono ovunque, liberi come la mente dell’uomo, che usa il computer per diffondere idee e conoscenza, ma continuerà ad amare la penna per fissare di getto il proprio mondo interiore nel diario della propria vita!

I principali artisti in mostra sono Alighiero Boetti, che deve la sua fama principalmente ailavori dedicati alle mappe del mondo, Carla Accardi che ha messo a punto una calligrafia pittorica inconfondibile che Lei battezzò lavori “autorigenerativi”, Emilio Isgrò l’artista della cancellatura che è anche poeta, narratore e drammaturgo, Giorgio Griffa uno dei principali esponenti di quella tendenza chiamata Pittura Analitica che si caratterizza per la pittura fatta di segni e di colore, Ezio Gribaudo i cui lavori più conosciuti sono i “logogrifi” rilievi su carta buvard bianco su bianco, Aldo Mondino artista eclettico per eccellenza, Salvo nella cui arte predomina la ricerca dell’io, l’autocompiacimento narcisistico, ValerioBerruti che crea immagini essenziali ed assolute, che affrontano in maniera scrupolosa e concentrata il tema degli affetti , della quotidianità e della memoria, Mattia Moreni che diede avvio alla prorompente stagione informale, gestuale e materica, Tobia Rava’ che propone un nuovo approccio simbolico attraverso le infinite possibilità combinatorie dei numeri, Antonio Meneghetti fondatore dell’OntoArte, Carol Rama, Luigi Mainolfi,Jessica Caroll, Raymond Pettibon, Giovanni Albanese, Ugo Nespolo, Arrigo Lora Totino, Lamia Ziadé, Sandro Chia, Nicola De Maria fino ai più contemporanei Barbara Nejrotti e Daniele Basso.

Daniele Basso

“Tutti uguali, allo specchio, siamo sospesi  tra sogno e realtà. Superata la funzione, le mie opere specchianti sono riflessioni sulla contemporaneità. Pensieri da terminare col  nostro significato…”.