Pages Menu
TwitterFacebook
Categories Menu

Annamaria Gelmi | Installazioni


Annamaria Gelmi studia all’istituto d’Arte di Trento, all’accademia di Brera a Milano con Cantatore e all’ Accademia di Venezia con Saetti.

Tiene la sua prima mostra a Trento alla galleria Mirana nel 1970.

Usa materiali plastici come il plexiglas e il metacrilato realizzando opere di scultura e installazioni che giocano sulla trasparenza, altre con interventi a china su, grandi fogli di acetato, di figure geometriche elementari, che appese proiettano le ombre coinvolgendo lo spazio. Di questo periodo sono gli scritti di: U. Appolonio, S. Branzi, B. D’Amore, L. Serravalli, A. Veca; e le mostre personali nelle gallerie: Il Traghetto di Venezia; Pancheri-Rovereto; Studio SM13-Roma; Arte Struktura-Milano; Tardy Enschede Olanda; Indiano Grafica Firenze; Spatia-Bolzano.

Nel 1978 viene invitata per un soggiorno a Murano dove lavora il vetro con i maestri vetrai e realizza diverse opere.

Nei primi anni Ottanta si allontana dal lavoro minimalista, essenzialmente bianco e nero per usare il colore. I lavori che connotano questo periodo sono memorie della storia, frammenti di architetture classiche, colonne, frontoni labirinti; tutti realizzati su carta Giapponese intelata. In questi anni scrivono di Annamaria: F. Gualdoni, M. Meneguzzo, G. Belli, D. Eccher, F. Gallo, F. Vincitorio; e le personali nelle gallerie:M.A.R.T.; Palazzo delle Albere di Trento; Arte Centro Milano; Intakt Vienna; Spayia Bolzano; Studio Foster Milano; Palazzo dei Diamanti Ferrara; Falaschi Passariano Udine; Studio Argentario Trento; Hofgarten Innsbruck Austria.

Negli anni Novanta le architetture diventano solo un segno, un richiamo simbolico (Perimetro) il colore è più forte e fa pensare lo spazio come condizione mentale di una visione diversa, ambigua e assoluta (Oltr la soglia).
Realizza in questi anni le sculture-installazioni in ferro, pietra e ottone (Il giardino dell’altrove, Il labirinto, Mistero Sacro, Il giardino).
Il libro SKY LINE presentato XLVI Biennale Internazionale di Venezia.
Di questo periodo sono gli scritti di: G. Nicoletti, F. Gallo, C. Cerritelli, S. Zanier, R. Turrina, D. Collovini, E. Schloker, G. Bonomi, F. Gualdoni, V. Coen; e le personali nei musei e nelle gallerie: Goethe Bolzano, Museo Tridentino di Scienze Trento, Grigoletti Pordenone, M.A.R.T. Museo d’Arte Moderna Trento, Galleria Civica di Trento, Museion Intercolummnie Bolzano, Museo Casa Bianca Malo Vicenza, Rocca Paolina Perugia, Cassa dei Carraresi Treviso, Galleria Comunale d’Arte contemporanea “Ai Molini” Portogruaro, Istituto Italiano di Cultura Vienna.
DSC00161
Dal 2000 presenta le sue opere su tela e le installazioni in ferro: nella Chiesa SS. Giacomo e Filippo Andora, alla Facoltà di Teologia Università di Innsbruck Austria, all’Istituto Italiano di Cultura di Innsbruck Austria e allo Studio Lattuada a Milano.

Nel 2003 partecipa alla manifestazione CONSERVATION a New York, Situazioni al MART di Rovereto; Cucinarte nello showroom Minotti.

Sono del 2004 le mostre personali: alla galleria Misuraca di Cefalù; al Comune di Cison e di Valmarino (TV); le collettive: All’ombra di Bramante scultura all’aperto e, Foto, Progetti, Disegni, presso la galleria Extra Moenia, Todi; La mela nell’Arte in Val di Non (Trento);

2005: Personale Kaiserliche Hofburg Innsbruck Austria; Simposio Internazionale di ceramica Kaiserliche Hofburg Innsbruck Austria; Collezioni Generazioni anni quaranta Museo Bargellini (Pieve di Cento), Il Labirinto a cura di M. Martini Castello Pallavicino-Casali a Ponticelli d’Ongina (PC); Milano Seduta d’Artista, Fiera di Milano; Galleria Transarte Rovereto (TN).

Inoltre hanno scritto: M. Mojana, A. M. Martini, M. Bruggeller, G. Di Genova, F. de Battaglia, B. Braun.

2006 Castello di Pergine “Fuori luogo comune”. A cura di F. Batacchi. Partecipa a vari Simposi in Italia e all’Estero.

Nel 2007 Oderzo (TV) Cà Lozzio; Rovereto (TN) Gallerie Transarte; Biennale di Venezia Camera 312 “Il viaggio”; Trento Palazzo Roccabruna “Artebianca”; Venezia Galleria Perl’a; Pàlkàne (Finland) Gallery ExG; “A Day in Minden” international Art Exhibition a Kakarbhitta, Mechingar, Nepal, Curator Rafique Sulayman.

2008 Venezia xx912 fabrika “archivio Vinile”; San Pietro in Cerro (PC) Museo M.I.M “Sculture all’aperto”; Trento Eventi collaterali Manifesta 7 “ACTIONS”; Gubbio “Biennale di di Gubbio”; Trento “Workshop” in collaborazione della Galleria Civica con artisti del Bangadlesh, Nepal e India. Bangladesh Workshop all’università di Shanto-Mariam “Departament of Sculpture Institute of Fine Arts Dhaka”.

2009 Innsbruck (A) Museo Holfburg “Wind and Poppyns” (Annamaria Gelmi e Andrea Zanzotto); Bangladesh – Dhaka “International Mother Language Art”; Roma, Studio Arte Fuori Centro; Fai (TN)  Galleria Boccanera “Panorama Panorama” Sport Hotel Panorama Testo in catalogo Luigi Meneghelli.

2010 Milano “Oltre il confine” – Vercelli “Cliking the Cosmos Opening a window on darkness”. Torino Biennale di Racconigi testo in catalogo di Luciano Caramel. Rivara (TO) “Inarchitettura” Castello di Rivara testo in catalogo Giorgio Verzotti; Milano“Scale Mobili” Studio Lattuada testi in catalogo: Cristiana Curti, Massimo Dona’; Rovereto Presentazione “Contenitore BAU”M.A.R.T..

2011  Rivara (TO)  “Su Nero Nero – Over Black Black” Castello di Rivara (TO), a cura di F. Paludetto; Venezia“Padiglione Tibet”Biennale di Venezia” itinerante tra Venezia e Torino, Museo Diotti Casalmaggiore (CR), Spazio Mantegna Milano, Biblioteca Laudense Lodi; Monaco (Germania) “DOLOMITINEWYORK” Spazio Italia – Areoporto; Bruxelles (Belgio) “DOLOMITINEWYORK” European Union Committee of the Regions; Roma“Biennale internazionale di scultura” Villa Torlonia  a cura di G. Porcella, L. Petracca; Firenze“Pretiosa” Galleria Varart testo in catalogo Giorgio Bonomi.

2012 Salerno “Italia Contemporanea” Grancia sala Consilina presentazione Boris Brollo; Latina “33 Donne Amorose” a cura di: Emanuela Bianchi e Massimo Pompeo; Fidenza Village – “Man and Nature- Reciprocity “; Milano ”In rete”  Galleria Trasparente, a cura di B. Brollo; Venezia Mestre “Geography Alice” Galleria 3D,  a cura di A. de Stefani; Altare (SV) “Altare Vetro”  Museo dell’arte vetraria, a cura di M. Chirico e E. L’Acqua; Montegrotto Terme (PD) “Non solo libri”, Biennale Internazionale del libro d’artista, Museo Internazionale del Vetro.

2013 Latina, “Il viaggio immaginario”, Casetta della musica, a cura di Leonardo Faccioli e Massimo Pompeo;Rivara (TO), “Equinozio d’autunno”, Castello di Rivara, a cura di Franz  Paludetto; Rovere’ della luna (TN), “Croci Incroci”; Torino, “Non solo libri”, Biblioteca civica Villa Amoretti, a cura di Ruggero Maggi; Graz, “Frage – Zeichen”, Universität Graz; Mestre, “Limite”, Galleria 3D, a cura di Adolfina De Stefani e Gaetano Salerno; Piegaro (PG), “Altare vetro Arte”, Museo del vetro di Piegaro; Benevento, “Viaggio immaginario – omaggio a Massimo Faccioli”, ARCOS Museo d-arte Contemporanea, a cura di Leo Faccioli e Massimo Pompeo; Cavalese (TN), “L’immagine terrestre”, Centro Arte Contemporanea, a cura di Elio Vanzo.

 

Cincopa WordPress plugin

L’arte fa bene al cuore

Sculture

Trans Limite